Dolore toracico

dolore toracico

Che cosa s’intende per dolore toracico?

S’intende per dolore toracico la comparsa di dolore acuto o la presenza di dolore persistente localizzato ad una qualsiasi area della regione toracica. Esso rappresenta una delle più comuni ragioni per le quali le persone si recano in Pronto Soccorso, in quanto la sua comparsa, specie quella acuta, crea molta apprensione relativamente alla serietà ed alla pericolosità della causa del suo comparire. Contrariamente a quanto comunemente si pensi, non è solo l’infarto miocardico a rappresentare la patologia più temibile in caso di comparsa di dolore toracico acuto, in quanto altri quadri patologici altrettanto importanti devono essere esclusi con urgenza per evitare gravi conseguenze:

  • embolia polmonare (vedi anche “Embolia polmonare”)
  • pericardite
  • pneumotorace (vedi anche “Pneumotorace”)
  • aneurisma dissecante dell’aorta

Quali sono le cause di dolore toracico?

Il dolore toracico può essere provocato da processi patologici generati all’interno del torace o può essere riferito al torace solo per proiezione ad esso di un dolore che trova giustificazione in processi patologici localizzati in organi extra-toracici (addome, arti superiori e collo). Le cause di dolore toracico, raggruppate per organo o per apparato fonte della patologia che lo produce, consistono in:

1) Cause cardiovascolari:

  • infarto miocardico acuto (infarto cardiaco): il dubbio che sia in atto questo tipo di problema giustifica l’immediato ricovero del paziente in Pronto Soccorso per una diagnosi rapida ed un altrettanto rapido inizio di una terapia appropriata. In questo caso il dolore può essere associato a senso di oppressione al torace (regione anteriore in corrispondenza dello sterno) e può irradiarsi alla schiena, spalle, braccia (specie al braccio sinistro), collo, mandibola e si modifica d’intensità perdurando per un tempo prolungato o riducendosi e ricomparendo con diversi gradi d’intensità. Possono essere presenti anche dispnea (difficoltà respiratoria), nausea, vomito e sudorazione.
  • dolore coronarico anginoso (malattia coronarica)
  • angina di Prinzmetal (spasmo coronarico)
  • dissecazione aortica (rottura e fissurazione della tunica più interna dell’aorta)
  • pericardite: infiammazione, molto spesso virale, del tessuto che riveste il cuore
  • miocardite (infiammazione del tessuto muscolare cardiaco secondaria ad infezione molto spesso virale)
  • cardiomiopatia ipertrofica

2) Cause dipendenti da patologie pleuro-polmonari: in questi casi il dolore può presentare un’accentuazione d’intensità durante la tosse o nel corso degli atti respiratori e può tendere a modificarsi al variare della posizione del corpo

  • embolia polmonare 
  • pneumotorace 
  • pleurite (vedi “Pleurite”)
  • infiltrazione della parete toracica da parte di tumori maligni pleurici o polmonari

3) Cause dipendenti da patologie dell’apparato digerente:

  • ernia iatale (dolore che compare più frequentemente dopo i pasti, dovuto alla tendenza dello stomaco a scivolare nel torace attraverso il diaframma), con o senza malattia da reflusso gastro-esofageo (MRGE)
  • spasmo esofageo, più frequente in pazienti con malattia da reflusso gastro-esofageo (MRGE) ed esofagite
  • acalasia esofagea: aumento del tono dello sfintere esofageo inferiore con permanenza di cibo all’interno dell’esofago che tende a dilatarsi (con possibilità di dolore toracico)
  • pancreatite acuta, con dolore riferito all’epigastrio ma con possibile irradiazione al torace
  • calcolosi della colecisti (cistifellea) e colecistite acuta (infiammazione acuta della cistifellea), con dolore in ipocondrio destro ma con possibile irradiazione al torace.

4) Cause dipendenti da patologie dell’apparato locomotore (muscolo-scheletriche):

  • patologia a carico dei muscoli intercostali (strappi muscolari, fibromialgia, ecc.) o della muscolatura del dorso e del torace
  • patologia articolare a carico dell’articolazione della spalla (artrite della spalla, artrosi, tendiniti, ecc.)
  • patologia articolare a carico delle vertebre della regione cervico-dorsale
  • costa incrinata o frattura costale traumatica o patologica (tumore osseo primitivo o metastatico)
  • osteo-condrite sterno-costale (o sindrome di Tietze): dolore toracico accentuato dalla pressione con la mano sullo sterno, secondario a processo infiammatorio che colpisce l’articolazione posta fra coste e sterno

5) Cause varie:

  • nevralgie intercostali
  • compressioni o lesioni di un nervo intercostale da parte di tumori infiltranti la parete toracica
  • Herpes zoster dei nervi intercostali
  • attacchi di panico: si presentano con:
    • senso di oppressione e dolore al torace
    • intensa sensazione ansiosa e di angoscia
    • dispnea (difficoltà respiratoria)
    • paura di morire o di impazzire
    • tachicardia (aumento della frequenza cardiaca)
    • tachipnea (aumento della frequenza respiratoria)
    • sudorazione
    • vertigine ed instabilità alla postura eretta ed alla marcia
    • possibile sensazione di svenimento (lipotimia)

Qual è la terapia del dolore toracico?

Poiché il dolore toracico riconosce un’origine molto varia, la terapia dello stesso corrisponde alla terapia delle numerose cause che lo provocano. Il primo passo, quindi, per risolverlo consiste nel porre con precisione la diagnosi del processo patologico che lo genera, escludendo con rapidità quelle situazioni cliniche che, se non diagnosticate in tempi rapidi, potrebbero anche comportare notevoli rischi per la vita del paziente.

 Dott. Enrico Ballor

 Torna Indietro dott Enrico BallorContatta il Dott. Ballor

immagine copyright depositphotos\vampy1

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Pneumologo-ballor.it utilizza i cookies per consentirti la migliore navigazione. Il sito è impostato per consentire l`utilizzo di tutti i cookies. Se si continua a navigare, si accetta e si approva la nostra policy sull`impiego di cookies. Per saperne di più sulla nostra policy dei cookies.